Guida al cinema di Johnnie To: le regie in 10 titoli + bonus


Questa lista è dedicata a tutti quelli che vogliono avvicinarsi al cinema del maestro hongkonghese. Johnnie To è uno dei nomi più acclamati del cinema dell’ex colonia inglese, noto ai più per i suoi capolavori noir, ha una carriera invece varia ed eclettica, che si è mossa tra action, wuxia, commedie, melodrammi, tra regie e produzioni, fin dal 1980. Vi citiamo i fondamentali, i più belli, i titoli che potrebbero mutare radicalmente la vostra vita cinefila. E ci atteniamo alla sua attività di regista “ufficiale”. In una successiva lista forniremo invece i titoli delle migliori, straordinarie, produzioni. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1_  The Enigmatic Case (1980)

To e il wuxia in piena new wave locale. In un paio di anni escono film (per mano di diversi registi) dello stesso genere radicali e complessi che rifanno la storia del cinema hongkonghese. To ci mette del suo con questo esordio folgorante.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2_ The Heroic Trio (1993)

Rarissimo caso di fantascienza hongkonghese in chiave steampunk, con un cast stellare e le coreografie di Ching Siu-tung che regalano uno dei film simbolo del cinema di Hong Kong. Un’esperienza visiva indimenticabile.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3_ The Barefoot Kid (1993)

To passa al kung fu movie, regalando uno dei titoli simbolo del nutrito filone, appoggiandosi ad un cast straordinario e alle coreografie del maestro Liu Chia-liang che lasciano il segno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4_ A Hero Never Dies (1998)

Dopo un breve avvicinamento al genere To dirige uno dei suoi capolavori e il film che lo rende il re del noir contemporaneo. Struggente, magistrale, indimenticabile.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5_ The Mission (1999)

Un anno dopo, dopo due altri esperimenti di regie del genere To dirige il nuovo punto di arrivo del noir, film incredibilmente rigoroso, perfetto, monolitico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

6_ PTU (2003)

To si getta in un profluvio di commedie e storie agrodolci e film per un pubblico più di massa, ma nei ritagli di tempo, per anni, assembla questa nuova pietra miliare del genere a cui seguirà una sorta di pacchetto di film a tema, Tactical Unit (5 film, 2008-2009).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

7_ Running on Karma (2003)

Da molti considerato un film minore, nasce come commedia ma muta in corsa in un luttuoso e disperato progetto filosofico struggente e disperato, schiaffeggiato di nuovo dalle onde del destino. Un’esperienza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

8_ Throw Down (2004)

To guarda a Akira Kurosawa e dirige una sorta di crepuscolo del suo cinema, tra note agrodolci, disperazione, corse lontano dal destino che ghermisce tutti, spietato. In contesti tagliati da lame di luce come bisturi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

9_ Election (2005)

To torna al suo noir ispirandosi alle grandi saghe yakuza eiga giapponesi, fatte di famiglie in lotta e tradimenti sanguinari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

10_ Election 2 (2006)

Cast stellare per un sequel più sconvolgente del primo capitolo in cui To affina le armi e costruisce un castello più flessibile e di intrattenimento riflettendo sul presente e sul paese.

 

ALTRO:

Menzioniamo altri titoli degni di nota, vicinissimi per qualità ai già citati, con importanza radicale nella filmografia e nel cinema di Hong Kong ma che per puro calcolo numerico abbiamo tenuto fuori dai 10.

E quindi l’onesto melodramma con Chow Yun-fat All About Ah Long (1989), l’ottimo Loving You (1995), film di avvicinamento ai grandi noir, lo straordinario Exiled (2006) sorta di sequel spirituale di The Mission, i piani sequenza monumentali e storici di Breaking News (2004) e Three (2016). E poi le commedie, da quelle della Cinema City con The Eighth Happiness (1988) a quelle con Stephen Chow come Justice, My Foot! (1992) e The Mad Monk (1993), fino a quelle surreali, agrodolci e prodotte dalla sua Milkyway come Needing You… (2000), Help!!! (2000), Wu Yen (2001) e Love on a Diet (2001), tutti incassi clamorosi. Citiamo infine l’ottima esperienza cinese gangsteristica di Drug War (2013), il discutibile musical Office (2015) e due ottimi noir con la mano di Tsui Hark in produzione, The Big Heat (1988) e Triangle (2007).

CONDIVIDI: