Alia4 – Antologia di Narrativa Fantastica


Alia4 - Antologia di Narrativa FantasticaUna rivoluzione copernicana quella avvenuta in seno ad Alia, una delle più intriganti realtà letterarie italiane contemporanee. Inizialmente (v. recensioni dei volumi precedenti qui e qui) Alia era un’antologia suddivisa in tre zone geografiche, ovvero Giappone, Italia e anglosfera. Dal numero attuale invece il tomo si è scisso in tre diversi volumi il cui contenuto è suddiviso dallo stesso criterio e accomunati solo dalla copertina unica (bellissima, composta da un’illustrazione inedita di Terada Katsuya), ma diversificata da diverse tonalità cromatiche. Il resto, dopo un’introduzione che presenta autori e scritti, è una raccolta di otto racconti, vari, e completamente spiazzanti nella loro diversità, freschezza e elevata qualità letteraria. Centocinquanta pagine di alta letteratura fantastica, finalmente in (ottima) traduzione diretta dal giapponese (ad opera di un collaboratore e amico di Asian Feast, Massimo Soumarè) anziché figlie del solito telefono senza fili di traduzioni di versioni statunitensi. Ulteriore bonus all’edizione, la presenza di alcune illustrazioni inedite firmate da altrettanti noti autori del panorama grafico giapponese del calibro di Fujiwara Yuri, Kanai Ryo e Ueda Ake.
C’è da aggiungere anche come la qualità media dei racconti sia oltretutto più alta e continua dei precedenti volumi e regali almeno 4 e anche cinque pezzi di ottima scrittura; a cominciare dal semi autobiografico “L’Origine della Paura Fondamentale” di Konaka J. Chiaki che –insieme all’introduzione scritta per il nostro dossier sull’horror edito dal mensile Nocturno Cinema (n.54)- rappresenta l’unico scritto italico valido e l’unica alternativa comprensibile al suo fondamentale libro sulla nascita del new J-horror, purtroppo – ad oggi- ancora inedito in Italia.
Bastano 7 pagine invece a Kurimoto Kaoru con il suo “Ricordi” per evocare e raccontare una straordinaria e crepuscolare apocalisse, una fetta di sublime scrittura che lascia basiti nella sua immediatezza narrativa.
Ottimi i due racconti fissati ai bordi dell’opera; apre Alia, “Lontano” di Asagure Mitsufumi, angosciante epopea in prima persona di un uomo che si avventura in un territorio inesplorato e ostile flagellando il proprio corpo nel seguire misteriose e indecifrabili indicazioni (che si alternano graficamente alla scrittura anche sulla carta).
Chiude invece il tutto, il breve e malsano capolavoro di cinismo e di morbosità “Smontaggio di un Angelo” di Tsuhara Yasumi, sanguigno, sensuale e sottilmente morboso, un vero pugno nello stomaco che nel momento in cui affonda gli artigli nella moralità dello spettatore al contempo lo lascia refrigerato da tanta inventiva e talento.
Ma c’è anche spazio per sentieri molto più leggeri e pop come il kawai “In due Per Sempre” di Miyabe Miyuki, storia di un fantasma femminile che possiede il corpo di un impacciato ragazzo (con tutti gli equivoci del caso), la sensualità introspettiva di “L’Esilio” di Minagawa Hiroko, e due opere in costume, l’una quasi una versione di Storia di Fantasmi Cinesi alla giapponese, “L’Estasi Viola e Cremisi” di Asamatsu Ken e l’emersione di una sensualità ancora più accentuata nell’intenso “Fuori della Zanzariera – Variazione sul tema di Onahoshi” di Komatsu Sakyo.

In un panorama asettico e arido come quello dell’editoria italica Alia è una di quelle poche realtà da supportare senza indugio, non tanto per un gesto sterile e amichevole come spesso accade in questi casi, ma proprio e solo per la straordinaria alta, anzi altissima, qualità dell’opera. Questo volume di Alia ha dell’imprescindibile.

Comunicato ufficiale:

Dopo un lungo lavoro di preparazione esce la quarta edizione di Alia, l’arcipelago del fantastico, in tre volumi per complessive seicento pagine.
Raccoglie sette illustratori (quattro giapponesi e tre italiani) e ventisei autori contemporanei e viventi (dieci italiani, otto giapponesi, otto di lingua inglese), con altrettanti racconti inediti e mai tradotti in italiano, offrendo ai lettori un panorama ampio, complesso e articolato del fantastico contemporaneo in tre diversi continenti e importanti aree linguistiche.

Staff di Alia 4(x3)
Silvia Treves, Massimo Citi, Marina Schembri, Marco Email
Massimo Soumaré (cur. e trad. sez. giapponese), Davide Mana (cur. e trad. sez. lingua inglese), Vittorio Catani (cur. sez. italiana).

Illustratori:
Terada Katsuya, Fujiwara Yûri, Kanai Ryô, Ueda Ake, Chiara Negrini, «MoMa Kon» Bioletti, Dalmazio Frau

 Autori di Alia Italia (euro 12,00 – ISBN 978-88-901455-7-5):
Arona, Catani, Citi, Defilippi, Giorgi, Lanza, Lastrucci, Mana, Soumaré, Treves

Autori di Alia Giappone (euro 12,00 – ISBN 978-88-901455-9-9):
Asagure, Asamatsu, Komatsu, Konaka, Kurimoto, Minagawa, Miyabe, Tsuhara

Autori di Alia Anglosfera (euro 12,00 – ISBN 978-88-901455-8-2):
Brin, Detwiller, Doctorow, Hopkinson, Moorcock, Roberson, Stross, Williams

CONDIVIDI: