The Barefoot Princess: la bellydance asiatica narrata in un documentario.

news pubblicata il 21/03, 12:33

The Barefoot Princess è un progetto italiano, ma di matrice asiatica, che merita certamente una segnalazione da parte nostra. Le due registe Simona Cocozza e Samantha Cito decidono infatti di narrare la storia di Kamellia, donna di origine koreane cresciuta in Giappone, e del suo oltre mezzo secolo di vita dedicato alla danza del ventre che l’ha portata alla notorietà internazionale, persino in Medio Oriente, proprio lì dove quest’arte è nata e si è sviluppata. Lasciamo spazio alla sinossi che spiega certamente meglio la portata del documentario:

Il documentario The Barefoot Princess racconta il paradigma universale del viaggio personale alla ricerca di sé stessi. A simboleggiare questo percorso, il viaggio reale e metaforico di una donna che ha affrontato alcuni dei conflitti che dimorano nel profondo dell’animo umano, attraversando Asia, Africa ed Europa per più di mezzo secolo. Grazie all’arte della danza è riuscita a ritrovare sé stessa, conquistando così la vera libertà. Protagonista del documentario è l’artista Kamellia, la prima donna Estremorientale a praticare la danza del ventre, nella seconda metà del ‘900. Diventò una vera leggenda proprio nei Paesi Arabi, dove la stampa l’incoronò “Principessa della Danza Orientale”. Ormai Kamellia vive a Parigi e, dopo 40 anni di straordinaria carriera, intraprende un viaggio alla riscoperta delle proprie origini, in Corea ed in Giappone. Lo fa in occasione del suo 60° compleanno che, nella cultura giapponese, è un evento unico dal grande significato simbolico. Un amaro quanto necessario viaggio nel passato la porterá a dare il nome giusto a ciò che da adolescente la spinse alla fuga: discriminazione razziale ed emarginazione femminile. Riposizionati tutti i tasselli del proprio passato, finalmente Kamellia fa ritorno in Europa. È pronta a dedicarsi alla sua nuova missione: trasmettere le proprie esperienze, professionali e personali, a chi, dopo di lei, s’immergerà nella danza: l’arte che le ha permesso di riappropriarsi del suo equilibrio interiore.

Aggiungiamo anche qualche link utile per approfondire e il trailer.

Homepage | Facebook | Giallomare

CONDIVIDI: