Big Boobs Buster

Voto dell'autore: 2/5
Voto degli utenti InguardabileSufficienteConsigliatoOttimoImperdibile [2,00/5: 4 voti]

Big Boobs BusterLa acchiappatette è arrivata! Ma bisogna stemperare subito l’entusiasmo visto che il film, un mediometraggio piccolo piccolo, è una notevole delusione. Se sulla carta e stando alle cover ci si poteva aspettare un v-cinema pruriginoso o un action alla Robotrix, dopo pochi minuti si comprende subito l’andazzo. Il film è tratto da un manga di Koichiro Yasunaga e non ci si spiega come questo filmettino sia giunto in occidente (a scapito di altro), distribuito e promosso dalla Asia Pulp Cinema. Tutto si basa su un’idea minuscola; una ragazza rifiutata da un ragazzo a causa dei suoi seni piccoli si autotrasforma in Big Boobs Buster, l’eroina che cattura le maggiorate e che le sottopone ad un calco del loro seno al fine di produrne una riproduzione in silicone per ricattarle “non dovrete mai più usare i vostri seni per ottenere questo o quest’altro”. Presto diventerà l’incubo delle tettone in una specie di universo scolastico alla marinaretta in cui le fanciulle sono suddivise tra chi ce l’ha e chi no. Addirittura dovrà vedersela contro un’antagonista dotata di super reggiseno in metallo finchè verrà catturata, scoperta e costretta a gareggiare in una prova atletica. Lo stile di regia alla fine tenta anche delle idee e trovate originali, ma ogni volta che si avvicina uno scontro o una lotta è un puro disastro con il risultato che alla fine è assente la violenza, ci sono poche nudità (giusto qualche seno) e anche il sesso è assente (tutti e tre elementi che ci si aspetterebbero da un film del genere). A questo punto ci si diverte molto di più con il backstage che mostra le numerose cadute da bicicletta dell’impacciata protagonista (che le procureranno numerosi ematomi al ginocchio) e un numero decisamente più elevato di dettagli piccanti. Alla fine il film può anche un pò divertire ma si tratta davvero di un lavoro minuscolo decisamente trascurabile. E crea ancora di più frustrazione trovare coinvolto in un progetto del genere in un ruolo secondario (un guardone…), Eisei Amamoto (qui accreditato come Hideyo Amamoto) storico attore con alle spalle film come King Kong Escapes, altri kaiju e numerosissimi altri classici del cinema giapponese.

CONDIVIDI: