Bikuu The Movie

Voto dell'autore: 2/5
Voto degli utenti InguardabileSufficienteConsigliatoOttimoImperdibile [3,00/5: 1 voti]

Tra la serie di Garo Gold Storm Sho (2015) e Makai Retsuden (2016) c’è stato spazio per un film da sala, Bikuu. Come da titolo trattasi di opera interamente dedicata al personaggio della sacerdotessa della serie del 2014 Makai no Hana. Nel corso della saga di tanto in tanto sono usciti speciali, film per il video o per la sala dedicati a singoli personaggi “secondari” come Zero: Black Blood e Garo Gaiden: Tougen no Fue che seguiva le gesta di altre due sacerdotesse Jabi e Rekka.

Proprio quest’ultimo è abbastanza vicino al film di Bikuu, soprattutto per il fatto di essere uno dei rarissimi casi in cui qualcosa relativo alla franchise di Garo non si attesta su livelli medio/alti. Certo Bikuu è macroscopicamente più riuscito di Garo Gaiden: Tougen no Fue, ma non riesce mai a regalare emozioni e sbalzi di entusiasmo dovuti ai soliti altissimi livelli di inventiva e originalità.

Poco arriva dall’effettistica, dalle creature, dai fondali. E anche se azzarda alcune soluzioni particolarmente ardite e sorprendenti sono davvero una esigua minoranza perduta all’interno della metrica. Film che magari si concentra di più sui travagli della sacerdotessa e su un senso palpabile di oscurità e melanconia ma che tradisce leggermente le aspettative del pubblico della saga.

A livello narrativo comincia anche ad essere quasi inutile l’evocare ogni volta la distruzione della terra quando ovviamente un personaggio secondario potrebbe ben poco e quando nel corso della lunga epopea abbiamo spesso visto e ci siamo trovati in confronto ad entità ben più letali. Sinceramente da un film da sala ci si aspetterebbe (molto) di più ma è caratteristica quasi naturale il fatto che tutti i film per il cinema appartenenti al genere tokusatsu siano solitamente inferiori alla loro controparte televisiva.

Bikuu sarebbe ritornata nella serie del 2016 intitolata Garo: Makai Retsuden, serie che celebra il decennale della saga.

CONDIVIDI: