Kamen Rider × Kamen Rider Fourze & OOO: Movie War Mega Max

Voto dell'autore: 3/5
Voto degli utenti InguardabileSufficienteConsigliatoOttimoImperdibile [4,00/5: 1 voti]

Fourze_&_OOO_Mega_Max

Per festeggiare i 40 anni della franchise di Kamen Rider, la Toei ha investito in maniera massiccia e ha prodotto il Movie War più mastodontico della storia. Nulla che non potesse essere puro fanservice è stato così evitato, al soldo di uno spettacolo action furibondo e accecante, continuo per l’intera metrica del film; fattore che ha fatto si che il film schizzasse, come al solito, al primo posto del botteghino alla sua prima settimana di uscita sugli schermi giapponesi, in testa anche a blockbuster hollywoodiani (come Red Steel) e rimanendo per un buon mese nella top 10.

A differenza dei precedenti Movie War, solitamente divisi in tre sottotrame, questo film è più sfibrato e fonde ben cinque sezioni. Protagonisti assoluti sono gli ultimi tre Kamen Rider ovvero W, OOO e Fourze. Al loro fianco i primi sette rider della storia (Kamen Rider 1, 2, V3, Riderman, X, Amazon e Stronger) per celebrare l’anniversario già citato e numerosi altri bonus in scena; un nuovo rider, una sua versione impazzita, una inedita rider al femminile e dei villain particolarmente ispirati.
Se il tutto si riduce alle fine ad uno scontro continuo e ininterrotto tra riders e creature vecchie e nuove, annegato in effetti digitali di alterna fattura, il film riesce a intrattenere grazie a scelte narrative tutto sommato interessanti e che si muovono parallele alla furia cromaticamente stordente del resto del film. Sicuramente le sezioni più interessanti sono quelle che vedono confrontarsi il burbero Kamen Rider W e il giovane esagitato Kamen Rider Fourze sotto gli occhi disperati del pacato Kamen Rider OOO. Ma anche la sottotrama che mostra una Foundation X sempre più potente e presente, crea una certa tensione nel mostrare un’entità superiore ai singoli villain e potenzialmente imbattibile (e carismatica), continuamente permeata di giochi di potere, tradimenti interni, desiderio di conquista globale, rimandi ad attualità, massoneria, servizi segreti deviati e apparati dello stato inquinati.

1) Delle meteore cadono sulla terra portando una sorta di sostanza aliena denominata Solu che viene prontamente catturata dalla Foundation X nonostante abbia sulle sue tracce i primi 7 riders. Nel resto del mondo W, OOO e Fourze si battono contro creature varie.

2) Una di queste meteore apre un varco spazio temporale che catapulta nell’universo di Kamen Rider OOO un nuovo Rider potentissimo di forma acquatica (Poseidon)  permeato dal desiderio di distruggere tutti i rider. Si tratta di un combattente del futuro (40 anni avanti nel tempo, come 40 sono quelli indietro del primo rider festeggiato da questo film), Kamen Rider Aqua che posseduto da un eccesso di medaglie è andato in modalità berserk producendo questa creatura. Kamen Rider Birth, Kamen Rider Birth Proto Type e OOO sconfiggono il nemico ma Kannagi, boss della Foundation X ruba appena in tempo delle preziose medaglie del futuro di Poseidon.

3) Zona W: Kamen Rider W incontra la Foundation X e provoca la fuga del Solu in un tombino.

4) Universo di Fourze. Una ragazza piove dal cielo. I nemici attaccano la scuola, e dopo Fourze la ragazza si trasforma in un rider, un inedito Kamen Rider Nadeshiko. Scatta immediato il colpo di fulmine. Ma è trauma quando si scopre che la ragazza è nientemeno che il Solu, capace di mimare oggetti e persone e apparentemente privo di libero arbitrio. La ragazza è al fine catturata da Kannagi ma gli eroi ricevono due bonus; un ultimo regalo dalla rider femminile, il Rocket Switch Super-1 che permette a Fourze di mutare nella forma Kamen Rider Fourze Rocket States e una valigia con quattro switches e tre medaglie in cui sono contenuti i poteri dei 7 rider sconfitti da Kannagi.

5) Movie War Mega Max. Kamen Rider Aqua ritorna dal futuro e porta delle nuove medaglie per OOO grazie alle quali muta in Kamen Rider OOO Super Tatoba Combo. Aiutato da Kamen Rider Fourze Rocket States, Kamen Rider Aqua e i sette rider di nuovo in vita, si batteranno contro Kannagi che nel frattempo ha inserito le medaglie rubate e switch ottenuto dal Solu in una nuova cintura per mutare in una potente creatura, Super Gingaoh.

Nel finale molti virtuosismi figli del digitale e abbondanza di wirework e di coreografie; il film non è altro che una lunga puntata più ricca e la cui differenza fotografica sembra data solo da un maggiore contrasto del croma. Raramente questi film aggiungono qualcosa e si permeano di dignità indipendente (viene giusto il mente il film di Kamen Rider 555) ma tutto sommato queste opere sono di totale e assoluto divertimento e intrattenimento, con di volta in volta alterna qualità e interesse. In questo caso il prodotto è al fine promosso, tra i molti rider, l’inedita armatura femminile, buona azione e qualche elemento più riuscito del solito. Certo, si tratta di un cinema del tutto parallelo, di una scuola di pensiero dell’effetto particolarmente personale, il tutto distante anni luce da quello che è un super eroe in occidente (vedi il per certi versi simile film di The Avengers per capire). Un film probabilmente solo per appassionati, fans, bambini giapponesi, pubblico che già conosce almeno parzialmente dinamiche e background di quel pugno di Rider messi in campo. Questi prodotti non si preoccupano di spiegare e levigare tutta la meraviglia snaturando il prodotto in virtù di un pubblico internazionale visto che solitamente sono indirizzati ad un semplice target interno.
Dopo i titoli di coda, come spesso accade, viene introdotto per la prima volta il secondo rider della attuale serie in corso ovvero, in questo caso, Kamen Rider Meteor.

Eroi

Nemici

Screenshot

CONDIVIDI: