Kazuo Umezu’s Horror Theater – Tale 4: The Present

Voto dell'autore: 3/5
Voto degli utenti InguardabileSufficienteConsigliatoOttimoImperdibile [4,00/5: 1 voti]

Tre coppie di ragazzi decidono di trascorrere il natale in un pittoresco castello addobbato a festa, prendendo 3 camere separate per potere approfittare dell’intimità. Ma durante la notte un sanguinario babbo natale armato di una specie di ghigliottina volante li farà a pezzi per poi darli in pasto alle proprie demoniache renne. La realtà di questo sogno collettivo ha però profonde radici ancorate nell’infanzia della protagonista.

Dal regista di Battlefield Baseball e Meatball Machine e sceneggiatore di Versus non ci si poteva aspettare altro che l’episodio della serie più ludico e ostentatamente splatter. Se lo snodo narrativo può evocare il più becero slasher statunitense con il santa claus assassino, gli sviluppi successivi, le svolte surreali, la tendenza al visionario alzano anche stavolta il livello di una serie partita decisamente con il piede sbagliato. Alla fine, il gusto saporito per l’eccesso e la reiterazione dello stato di sonno e veglia in collisione con traumi e ricordi infantili (niente di assolutamente profondo, per carità) produce un mélange piacevole e di puro  intrattenimento.

La brava giovane protagonista, Mai Takahashi era la Principessa del Fiume dello Yokai Daisenso di Miike Takashi mentre lo sceneggiatore, Tamio Hayashi ha lavorato come scrittore nel campo dell’animazione. Rispetto alle precedenti prove del regista la perizia tecnica è decisamente aumentata, e il montaggio è talvolta assolutamente perfetto. Il digitale è discreto e sempre efficace e l’accumulo di effetti splatter è gradualmente esponenziale alla durata del video. Un dignitoso proseguo per una serie che non era iniziata con i migliori auspici.

 

CONDIVIDI: