Metamorphosis

Voto dell'autore: 2/5

VOTA ANCHE TU!

InguardabilePassabilePiacevoleConsigliatoImperdibile (2 votes, average: 1,00 out of 5)

Era il 2016 quando in Corea del Sud uscivano Goksung - La Presenza del Diavolo e The Priests film che mettevano in scena possessioni e esorcismi e che, specie nel secondo, andavano a scomodare tutto il classico armamentario cattolico occidentale del genere.

Stessa riflessione per questo Metamorphosis che sembra un'estensione del film appena citato. Titoli che evidentemente hanno un pubblico se a fronte di tanta bruttura continuano ad essere prodotti.

Il film di cui parliamo è tutto sbagliato, sguazza in immaginari e visioni abusate dall'altra metà del mondo, dai classici L'Esorcista e The Omen fino ai film precedenti e successivi agli stessi. Avrebbe anche delle carte da giocarsi, tra una sequenza morbosa e incestuosa, seppur pudica e un tasso di emoglobina sopra la media, senza tirare in ballo un eccesso di effetti grandguignoleschi.

Ha alcuni momenti di tensione e alcuni spaventi garantiti. Ma la storia non c'è ed è totalmente priva di senso, poggiando su una narrazione continuamente buttata via dal senso del tutto arbitrario di ogni svolta e reazione dei personaggi.

Su tutto aleggia un senso di dejà vu palpabile e forse a salvare il film è quella assenza di grazia e abbondanza di brutalità nella messa in scena dell'orrore che talvolta sortisce i suoi buoni effetti (come nella sequenza ambientata nella casa del vicino).
Per tutto il resto siamo di fronte ad un film da dimenticare.