Sky Blue

Voto dell'autore: 3/5
Voto degli utenti InguardabileSufficienteConsigliatoOttimoImperdibile [0,00/5: 0 voti]

Sky BlueCorea del Sud. Per il cinema d’animazione, area di manovalanza per le grandi produzioni giapponesi e americane (Disney su tutte ma, pare, anche il serial dei Simpsons). Insomma, tanta tecnica e tanto lavoro, ma poca gloria per la patria. Ora che la cinematografia coreana comincia a sfondare sul mercato internazionale, anche l’animazione spara le sue cartucce tentando il colpo che gli possa regalare l’indipendenza dai paesi sopra-citati. Sky Blue è un film importante, e va visto in questa ottica. Sul film in sé, si può dire tanto bene quanto male. Sul piano tecnico, abbiamo una fusione piuttosto riuscita di animazioni 2D (utilizzate per illustrare i personaggi della storia) e 3D (fondali e ambientazioni, davvero affascinanti). La trama non è forse la cosa più originale che si sia vista nel genere: nel solito futuro apocalittico-catastrofico dove piove sempre perché l’ecosistema è andato a banane, un gruppo di ribelli si batte contro un organizzazione militare che inquina il pianeta per produrre energia. Quasi a rischio di plagio (vedi capolavori come Final Fantasy), ma poco importa: quello che conta in questo momento è mettere su un onesto prodotto nazionale da vendere fuori dai confini. E se questo era l’obiettivo, è stato pienamente raggiunto. Grande tecnica e animazione a livelli altissimi, ma bisogna lavorare sulla capacità di trasmettere emozioni che non siano legate ai soliti tre-quattro momenti chiave (scena d’amore, inseguimenti, scontri, duelli finali,  ecc. ecc.). Piccola postilla finale: il film è uscito nel 2003 in Corea come Wonderful Days; il titolo Sky Blue (visto in una proiezione unica veneziana, senza sottotitoli) si riferisce all’uscita statunitense, che è datata 2004. Le versioni (dovrebbero) essere uguali.

CONDIVIDI: