The Terror Live

Voto dell'autore: 4/5
Voto degli utenti InguardabileSufficienteConsigliatoOttimoImperdibile [3,83/5: 6 voti]

Yoon Young-hwa (Ha Jung-woo) è in crisi; brillante conduttore televisivo, cacciato dalla Tv e in zona divorzio è costretto a lavorare per i notiziari di una radio. Un giorno riceve la telefonata di un uomo che annuncia di avere messo una bomba sotto al Mapo Bridge che unisce le sponde del fiume Han. Di lì a poco un ordigno esplode realmente e non sarà il primo. Tra l’attentatore e il conduttore si instaura nel corso della metrica un tesissimo rapporto per salvare la vita dei superstiti rimasti su ciò che resta del ponte.

In questa seconda giovinezza del cinema coreano (dopo la new wave di fine anni ’90) escono anche film particolari, sicuramente più diversificati e meno concilianti rispetto al passato, anche se probabilmente con minore piglio autoriale. Questo è uno di essi. Budget contenuto per un film “catastrofico”, interamente girato in un unico set, la sala principale della stazione radiofonica, un po’ come nel gradevole film canadese Pontypool. Un bravo attore, tanta macchina a spalla e un buon livello di tensione. E’ interessante anche notare come il cinema coreano si stia un po’ distanziando da un prodotto politicamente spesso conciliante o comunque non troppo offensivo; mentre è continuato ad uscire del ridicolo cinema di propaganda come R2B: Return to Base, solo nel 2013 National Security è stato un bel pugno in faccia al paese e questo film non lesina sul tirare colpi bassi in seno alla Corea del Sud. Il finale inoltre è di una bellezza e cattiveria abbastanza inusuali per un “blockbuster” del genere. Dove sono i problemi? Nella sceneggiatura, come al solito. Per un film di questo tipo tanti punti oscuri ed eccessivamente facili nelle svolte narrative (specie nella seconda parte) sono poco giustificabili ma è sempre più raro trovare sceneggiature davvero oleate, ovunque. Se prendiamo uno dei film (giustamente) più acclamati dell’anno, il bel Prisoners di Denis Villeneuve, noteremo lo stesso identico difetto, che non va certo a gravare troppo sul delizioso prodotto finale.

Uscito lo stesso giorno di Snowpiercer il film ha raccolto molti spettatori e si è rivelato un ottimo incasso, togliendo però spazio all’atteso Mr. Go che così è scivolato in zona flop. The Terror Live si è guadagnato anche una piccola distribuzione statunitense. Una buona prova nel cinema coreano del 2013.

CONDIVIDI: